Home Articoli HP Torino, le stazioni della metropolitana saranno delle piazze: il progetto per la...

Torino, le stazioni della metropolitana saranno delle piazze: il progetto per la linea 2

Tempo di lettura: 1 minuto

A Torino le stazioni della metropolitana saranno delle piazze: il progetto del Comune e del Politecnico per la futura linea 2

Cominciano a prendere forma le idee e i progetti per la linea 2 della metro e con essa anche le nuove fermate: a Torino, le stazioni della metropolitana saranno delle piazze.
Questo è il progetto del Politecnico in collaborazione con il Comune per disegnare le nuove fermate della metro.
Il progetto del Politecnico , dal titolo Living MT2, ovvero Vivendo la Metro 2,  è stato presentato mercoledì 20 febbraio durante il seminario che è iniziato martedì 19 febbraio presso il Parco del Valentino e che si concluderà giovedì 21 febbraio. Tre giorni di dibattiti, seminari e sopralluoghi con incontri aperti al pubblico.
Ovviamente non stiamo parlando delle banchine e degli spazi sotterranei, di cui si occuperanno i francesi di Systra, ma degli spazi di superficie vicino alle stazioni.
L’idea è quella di trasformare le fermate della metro, quali semplici luoghi di passaggio, in piazze funzionali dove poter bere un caffè, sedere su una panchina o trovare stalli per bici in sharing. Non ci sarà un unico progetto per tutte le stazioni, ma ognuna delle 33 fermate previste per il tracciato presenteranno temi comuni.
Ad esempio, per la futura fermata Cimarosa – Tabacchi, su via Bologna, si pensa ad un spazio con tanto di spiaggia e bio-piscine urbane, mentre le stazioni vicino al Campus Einaudi, ai Giardini Reali e a piazza Carlo Alberto avranno come tema il contrasto tra gli edifici moderni e quelli storici. Le fermate vicino alle Ogr e al Politecnico, invece, saranno dotate di schermi e tecnologie digitali in omaggio al tema dell’innovazione.
Come è stato spiegato dal professor Alessandro Mazzotta, si tratta solo di uno studio, vista la mancanza di denaro necessaria a realizzare i progetti nel concreto. Per finanziare il piano si potrebbero coinvolgere le Università o i privati.
Nella prossima stagione autunnale i progetti saranno i protagonisti di una mostra a Torino.
Dunque, per il momento, questi ambiziosi progetti per la metro 2 sono al quanto irrealizzabili, ma resta la speranza che un giorno possano trasformarsi in realtà.
Correlato:  I migliori 50 ristoranti di Torino nella guida "I Cento di Torino": tante proposte anche poco conosciute