Home Articoli HP Tragedia di piazza San Carlo, morta Marisa Amato: la donna rimasta tetraplegica...

Tragedia di piazza San Carlo, morta Marisa Amato: la donna rimasta tetraplegica nel caos

Tempo di lettura: 1 minuto

Tragedia di piazza San Carlo, morta Marisa Amato: la donna rimasta tetraplegica nel caos della piazza durante la Finale di Champions

La tragedia di piazza San Carlo non finisce mai. C’è un’altra vittima, che è arrivata a distanza di quasi due anni dai famosi incidenti della note del 3 giugno 2017.
È morta Marisa Amato, la donna rimasta tetraplegica nel caos della piazza durante la Finale di Champions. La donna, quella sera, era in centro per una cena con il marito. Giunta in via Santa Teresa, è stata travolta dal fiume di persone in fuga per l’allarme attentato (rivelatosi poi falso) lanciato tra folla accorsa a vedere la partita.
La donna, negli ultimi giorni, aveva accusato dolori per una infezione, che ha prodotto gravi effetti sulle sue condizioni respiratorie.
A metà settimana si è recata al Cto. Qui si è sottoposta a delle analisi, che hanno evidenziato un versamento pleurico. Pertanto ne è stato disposto il ricovero presso la Terapia Intensiva. Su esplicita richiesta della paziente non sono state utilizzate tecniche invasive. Non si è fatto ricorso dunque all’intubazione tracheale o la tracheotomia.
Le sue condizioni sono quindi peggiorate nelle ultime ore e stamattina la donna è morta.
Una triste pagina che arricchisce di drammaticità la vicenda di piazza San Carlo, che aveva già visto la morte di un’altra donna, la giovane Erika Pioletti. Un’altra vittima, seppur a distanza di tempo, di una tragedia che non si sarebbe mai dovuta verificare.
Correlato:  Scuole superiori, a Torino il Cavour è il miglior classico: il Galfer primo scientifico