AnimaliArticoli HP

A Torino stop all’abbattimento dei cinghiali: una grande vittoria animalista

4614
Tempo di lettura: < 1 minuto

A Torino stop all’abbattimento dei cinghiali: il Consiglio di Stato contro il controllo cruento degli animali

Torino stop all’abbattimento dei cinghiali.
A stabilirlo è stato il Consiglio di Stato, che ha rigettato il ricorso della Città Metropolitana di Torino. Quest’ultima si era mossa per richiedere l’annullamento dell’Ordinanza di sospensiva delle attività di controllo del cinghiale.
A sostegno della sua tesi, la Città Metropolitana aveva specificato, all’interno del ricorso (datato 4 ottobre 2018), l’origine alloctona del cinghiale. In questo modo sarebbe stato possibile applicare la legge regionale 9/2000, che avrebbe permesso di superare la legge nazionale.
Il Consiglio di Stato, però, ha deciso di opporsi al controllo cruento degli animali. Questo perché il programma del controllo del cinghiale 2018, approvato nel mese di dicembre del 2017, era già stato impugnato da associazioni animaliste e rivisto solo parzialmente (e in pochi aspetti). Viste le disposizioni del Consiglio di Stato, la Città metropolitana ha adesso l’obbligo di rivedere le strategie di prevenzione dei danni e di gestione della fauna selvatica.
Una vera e propria vittoria per le associazioni animaliste e ambientaliste, che tanto si sono spese per evitare che gli abbattimenti fossero affidati esclusivamente ai cacciatori. Una buona notizia anche per gli amanti degli animali, non direttamente coinvolti nella vicenda.
(Foto tratta da Larena.it)

Tag
4614

Related Articles

4614
Back to top button
Close
Close