ArteArticoli HP

Il Museo del Cinema si rifà il look: nascerà una Agorà, tanti progetti per il 2019

1087
Tempo di lettura: < 1 minuto

Il Museo del Cinema si rifà il look: nascerà una Agorà, tanti progetti per il 2019

Grandi cambiamenti in arrivo per il Museo del Cinema di Torino.
Uno dei musei più caratteristici e importanti della nostra città, conosciutissimo anche in tutta Italia per la sua ubicazione (all’interno della Mole Antonelliana) e per le numerose kermesse in cui è coinvolto, si appresta a subire qualche modifica, per ripresentarsi al pubblico con maggiori risorse e attrazioni.
Recentemente, infatti, il presidente Sergio Toffetti ha esposto alcune delle nuove sfide che riguarderanno la struttura dal 2019 in avanti.
Durante il prossimo anno saranno portati avanti delle prime iniziative utili per il restyling del museo. Si procederà alla creazione di una Agorà, uno spazio apposito aperto a tutto il pubblico per incontrarsi e per confrontarsi. Un’idea ambiziosa, che mira a regalare uno spazio comune ai cinefili.
Questa novità dovrebbe trovare posto negli spazi un tempo occupati dalla caffetteria. Dopo l’addio di Eataly e Vergnano, questi ambienti possono essere riconvertiti con questo splendido progetto.
A questa Agorà, però, si dovrà accedere attraverso altri ingressi. Ed è proprio a ciò che si collega l’altro principale obiettivo dei vertici del Museo del Cinema: l’apertura di nuove entrate. Per rendere più accessibile il complesso e per ridurre le interminabili code per entrare, sono in fase di valutazione diversi nuovi ingressi, da realizzare verosimilmente in via Riberi e in via Ferrari. Si tratterebbe di varchi alternativi rispetto a quello di via Montebello, con ovvi vantaggi per utenti e personale.
Una serie di iniziative di spessore, che si vanno a unire all’intenzione di creare una maggiore sinergia con altri punti di riferimento della città, come l’università, la bibliomediateca, il centro di documentazione Rai (in via Verdi 31) e il museo della radio e della televisione (in via Verdi 16).
Per vedere in pratica queste modifiche, però, occorrerà attendere la nomina di un nuovo direttore. Una necessità che ormai si protrae da troppo tempo, alla quale occorre porre rimedio per dare nuovo slancio ai progetti del Museo Nazionale del Cinema di Torino. Grandi accorgimenti per permettere al Museo di accrescere il suo prestigio e il suo numero di visitatori.
(Foto tratta da www.museoguide.it)

Tag
1087

Related Articles

1087
Back to top button
Close
Close