Articoli HPTerritorio

FCA, a Torino crisi profonda: produzione giù e più CIG, gli scenari futuri

22248
Tempo di lettura: < 1 minuto

FCA, a Torino crisi profonda: produzione giù e più CIG, ecco quali potrebbero essere gli scenari futuri

Dopo cinque anni di crescita, la produzione di FCA, a Torino, è calata vertiginosamente.
Il gruppo sembra vivere, almeno nella nostra città, una delle fasi più critiche dell’ultimo decennio. Dal 2013 a oggi, infatti, si era verificata una inversione di tendenza, con un aumento graduale della produzione anno per anno.
Dopo la morte di Sergio Marchionne (e a partire dall’inizio del 2018), l’attività dei siti produttivi torinesi ha subito una forte contrazione.
Nei primi nove mesi di quest’anno, stando a quanto affermano i dati raccolti da Fim-Cisl, c’è stato un calo di produzione del 31% nello stabilimento di Mirafiori e del 23,3% alla Maserati di Grugliasco. Senza contare che gli ammortizzatori sociali hanno visto un incremento, con il passaggio dall’8% all’11% delle pratiche.
Numeri piuttosto allarmanti, tenendo conto che questa estate ha visto l’uscita di scena dell‘Alfa Romeo MiTo e il rallentamento della produzione di Maserati Ghibli e Maserati Quattroporte.
Con la presentazione del nuovo piano industriale 2018-2022 e dopo i contatti con il nuovo amministratore delegato, Mike Manley, i sindacati avevano ottenuto informazioni abbastanza rassicuranti. Nello specifico, a Torino era stata garantita la realizzazione della 500 ad alimentazione elettrica e lo sbarco di alcuni dei nuovi modelli di Alfa, come la GTV e la 8C.
Occorrerà dunque attendere qualche mese per comprendere quale sarà il destino degli stabilimenti torinesi. Un destino che, nonostante le promesse, non pare essere così roseo.

Tag
22248

Related Articles

22248
Back to top button
Close
Close