Articoli HPCronaca di Torino

Quasi centomila cani a Torino

679
Tempo di lettura: < 1 minuto

È solo questione di pochi anni ed i cani a Torino supereranno quota centomila.

Ad oggi si è circa a novantamila 4 zampe, regolarmente registrati all’anagrafe canina dell’AslTo1. Un aumento di quattromila quadrupedi ogni anni circa che si rifà a tante motivazioni. Prima in assoluto è come Torino poco alla volta sia cambiata favorevolmente per chi possiede un cane.

Facendo un breve calcolo, un abitante su dieci possiede un cane, e nonostante la crisi i numeri non sono diminuiti. Vuoi per la semplicità del rapporto che si ha con un animale, o per la mancanza di voglia di mettersi in gioco con un proprio simile, gli animali “vanno per la maggiore”. I cani a Torino hanno il loro perché.

Ad essere scelti più spesso sono chihuahua, bulldog francese e cavalier king. Anche le adozioni però non si frenano, in particolare il flusso migratorio che dal sud spedisce al nord cani e gatti senza casa. Una precisazione, solo per i cani esiste l’obbligo di iscrizione, per i gatti ciò non è previsto.

Altra curiosità è che le razze sopra citate sono taglia piccola/medio-piccola. Un tendenza che in città spopola per la versatila dei cani nell’essere scorrazzati per il capoluogo. A detta di Luca Ferrero, veterinario, i pazienti poi non mancano “Di fatto rappresentano il settanta per cento dei miei pazienti. Il trend di crescita è confermato dai clienti in aumento: abbiamo circa quattromila schede e ogni giorno gestiamo una quindicina di visite”.

Torino, una città da cani?

@Damiano Grilli

679

Related Articles

679
Back to top button
Close
Close