Arte

Il nobel di Quasimodo battuta a Torino per 100mila euro

150
Tempo di lettura: 2 minuti

Ieri , 2 dicembre 2015,presso la casa d’aste torinese Bolaffi la medaglia del premio Nobel Salvatore Quasimodo è stata battuta per 100mila euro .

E’ finita nelle mani di un collezionista privato di Firenze.

Il “lotto 401”, nome in codice della medaglia posseduta dal famoso letterato siciliano, ha avuto una base d’asta di 50mila euro che avrebbe potuto arrivare a 200mila euro.

Questo se non fosse stato per la procedura d’interesse culturale da parte del Ministero dei beni e delle attività culturali che ne ha vincolato la vendita al solo territorio italiano.

Il nobel di Quasimodo battuta a Torino per 100mila euro
 

“Sono un numismatico, colleziono monete e medaglie e per lavoro le compro -continuando- c’è chi mette i soldi in banca e chi, come me, compera monete da Bolaffi. È un investimento”

Queste le parole del fiorentino entrato in possesso della medaglia che ritrae da un lato il busto di Alfred Nobel e sul rovescio la musa Tersicore nell’atto di suonar la lyra ad un giovane.

Alessandro Quasimodo, figlio del celebre poeta, ha sottolineato che il proprio gesto è del tutto altruistico per rendere di utilità pubblica l’oggetto posseduto dal padre e non per fini economici.

C’è da dire però che Filippo Bolaffi, amministratore della casa d’aste, ha dichiarato che l’erede di Salvatore Quasimodo volesse intentare ricorso per l’esclusione dei compratori esterni durante l’asta, dettagli.

Mentre i fatti parlano per conto proprio, fa piacere notare che la casa d’aste torinese dopo la giornata di ieri aggiunge alla propria rosa di vendite anche delle Memorabilia.

Da notare che oggetti simili nel mondo ne sono stati venduti fino ad ora solo sedici, in particolare è la prima vendita in Italia di questo riconoscimento:  prima nel mondo di un Nobel italiano.

Salvatore Quasimodo
Il nobel di Quasimodo battuta a Torino per 100mila euro

Salvatore Quasimodo vinse il premio Nobel per la letteratura  nel 1959.

( Qui il filmato della consegna)

Questa la motivazione ufficiale dell’assegnazione del premio:

” Per la sua poetica lirica, che con ardente classicità esprime le tragiche esperienze della vita dei nostri tempi”

Fu il 4° italiano dei sei totali ( di cui una donna) a ricevere il prestigioso premio istituito nel 1901:

  • 1906: Giosuè Carducci
  • 1926: Grazia Deledda
  • 1934: Luigi Pirandello
  • 1959: Salvatore Quasimodo
  • 1975: Eugenio Montale
  • 1997: Dario Fo

Damiano Grilli

150

Related Articles

150
Back to top button
Close
Close