Cronaca di Torino

Tassa sul turismo: a Torino frutta oltre 7 milioni

194
Tempo di lettura: 2 minuti

Sette milioni di euro.

Non male per una tassa ribattezzata «tassa sulle vacanze». Si tratta, per la precisione, dell’imposta di soggiorno e di sbarco, che viene pagata dai turisti in ben 705 zone di vacanze.

Tassa sul turismo: a Torino frutta oltre 7 milioni

Il balzello si sta diffondendo nel nostro paese, con modalità differenti fra un Comune e l’altro. Dai 10 centesimi ai 5 euro al giorno, il turista si trova di fronte a questa imposta, che a onor del vero, spesso si paga anche all’estero.

Due eccezioni: Roma, dove la tassa può raggiungere i dieci euro (!) e al contrario le isole più piccole, dove si paga una tassa di sbarco di un euro e mezzo al massimo.

Alcuni dati, citati da La Stampa: da uno a cinque euro a Venezia, da uno a quattro a Viareggio, due euro e mezzo massimo a Taormina, 3 e mezzo a Firenze.

A Torino si va da 1.80 a 5 euro (per alberghi a 5 stelle) per un introito possibile annuo calcolabile, a spanne, sui sette milioni e mezzo di euro. (A Milano, complice l’Expo, se ne introitano oltre 35, per capirci).

Torino, in Hotel è meglio
Torino, in Hotel è meglio

Per la precisione, secondo quanto dice il Comune, “La misura dell’imposta è graduata e commisurata con riferimento alle varie tipologie ricettive (si veda l’Allegato A in calce) tenuto conto delle caratteristiche e dei servizi offerti, nonché del conseguente prezzo del soggiorno. Essa è applicata all’atto del pagamento della prestazione alberghiera, per ciascun periodo di pagamento (ossia per ogni trimestre)”

 

Redazione M24

(Seguici su Facebook)

 

Tag
194

Related Articles

194
Back to top button
Close
Close