Arte

Women of vision: la fotografia ancora protagonista a Palazzo Madama.

155
Tempo di lettura: 2 minuti

“Ci sono storie, a questo mondo, che possono raccontare solo le donne”.

Continuano a Palazzo Madama le mostre fotografiche.

Dopo Eve Arnold e Tina Modotti – organizzate e allestite nella Corte Medievale da Silvana Editoriale – è il momento del terzo capitolo della trilogia dedicata a donne e fotografia.

Ora è il turno del National Geographic che ha allestito – sempre nella sala al piano terra del museo di piazza Castello – un’esposizione collettiva di foto, realizzate dalle fotografe della più famosa organizzazione scientifica e pedagogica no-profit, dal titolo “Women of vision”.

All’interno della mostra sono esposte 99 foto di 11 fotografe: donne che hanno dedicato la loro vita alla testimonianza attraverso la fotografia. Ci sono veterane come Lynn Johnson, Jodi Cobb e Maggie Steber, e talenti emergenti come Erika Larsen e Kitra Cahana. Ci sono artiste che hanno dedicato la loro carriera a raccontare la società e la condizione femminile, altre che hanno immortalato paesaggi onirici, altre ancora che hanno scelto per missione la conservazione della natura e la tutela dell’ambiente.

 

Si passa dai commoventi ritratti di culture lontane a emozionanti immagini emblematiche di fenomeni come la memoria e l’alchimia che si instaura tra gli adolescenti, fino a impressionanti scatti che immortalano disagi sociali come le spose bambine e la nuova schiavitù del XXI secolo.

99 scatti, 99 storie tutte all’interno di una sala che trasuda Storia – con la s maiuscola non a caso. Il National Geographic inaugura la collaborazione con la Fondazione Torino Musei con una sensibilità che non farà fatica a ripetere il successo di pubblico delle mostre fotografiche precedenti.

Ma se prima si trattava di eventi monografici – ovvero retrospettive di personaggi femminili forti, altamente configurati per carattere ed esperienze di vita – ora la questione diventa corale. Un coro di voci dalla sensibilità unica che con una sola voce esprimono la sensibilità delle donne, mostrano la forza e la dignità dell’altra metà del cielo.

Una metà del cielo che ha sempre di più qualcosa da dire, da esprimere e da palesare agli occhi di un pubblico sempre più attento ed esigente.

In un mondo in cui la divisione di genere la fa ancora da padrone, la mostra è un tributo allo spirito e all’ambizione di queste giornaliste che hanno creato occasioni per esprimere visivamente la loro esperienza, le conoscenze ed emozioni attraverso l’uso sapiente dell’obiettivo fotografico.

Women of vision è allestita a Palazzo Madama di Torino – Corte Medievale – fino all’11 gennaio 2015. Per informazioni si può visitare il sito di Palazzo Madama nella sezione dedicata alla mostra.

Giulia Copersito

155

Related Articles

155
Back to top button
Close
Close