Enogastronomia

Smile Tree, un sorriso vegan a Torino

392
Tempo di lettura: 2 minuti

Sono giorni di festa, serate con gli amici, il jazz e il festival, il cinema, è una città in fermento Torino in questi giorni e i cocktails sono il sottofondo delle vacanze, quando sopratutto non dobbiamo andare a lavorare il giorno dopo.

Andiamo a scoprire un locale che non conoscevo. Piazza della Consolata a fianco al famoso bicerin troviamo SmileTree. Non essendo appassionata di Cocktails e di super alcolici in generale non sono una grande scopritrice di locali, ma questo ne è valso veramente la pena.

Smile Tree, un sorriso vegan a Torino
Smile Tree, un sorriso vegan a Torino

Smile tree, albero del sorriso. La motivazione per cui sono approdata qui è perché ho scoperto che era un locale vegano e poi ho dovuto sorprendermi davanti a cotanto talento.

Il genio sopra della media si capisce da subito. Cocktails incredibili con ingredienti raffinati e materie prime ricercate, composizioni artistiche e installazioni creative.

Si percepisce subito di essere di fronte a qualcosa di speciale.

Dennis Zoppa è il suo nome: gli faccio domande lo rincorro e lo osservo mentre lavora.

Di origini di Cremona un ragazzo di 32 anni che ha girato il mondo, da Amsterdam e New York passando da Las Vegas, le migliori esperienze all’estero, le competizioni come bartender migliore d’Italia, la partecipazione a Rio come rappresentante italiano, le acrobazie con le bottiglie e gli shaker, la leggerezza e la competenza delle parole.

Smile Tree, un sorriso vegan a Torino
Smile Tree, un sorriso vegan a Torino

I ragazzi sono tutti vegani, fanno scelte precise e alla mia domanda: “i vegani si divertono, non è solo restrizione?”, lui mi risponde: “Certo! Ma voglio trasmettere anche un modo di diverso di bere, scegliendo solo liquori di alta qualità, bere meno, ma bere meglio”. Più o meno in soldoni è proprio il messaggio che mi arriva.

Smile Tree, un sorriso vegan a Torino

Un locale speciale, di tendenza, green ma con una vena alcolica.

Alcuni ingredienti: pepe rosa e camomilla e Vermouth bianco. Un cocktail fatto con la birra. Un ‘altro con il the verde matcha, il sakè, il mezcal e il nettare di agave.

E poi il contorno lascia a bocca aperta: cocktails, dentro una campana fumante o dentro le caffettiere, o in scenografie di legno e rami secchi, alchechengi infilato in raggiere di ferro.

Smile Tree, un sorriso vegan a Torino
Smile Tree, un sorriso vegan a Torino

E non solo: trovo uova enormi con cannucce, peperoni rossi che fanno da sfondo e ancora foglie di banana secche, nocciole affumicate. Insomma un tripudio di colori sapori, cibi ricercati, foglie d’oro commestibili, diverse varietà di vodka e decine di rhum e gin. Alla mia domanda più che lecita: “cosa fai a Torino?”, ricevo la risposta più sensata al mondo. “Sono qui per amore”.

Non c’è America che tenga davanti agli affari di cuore.

V. Saracco

Tag
392

Related Articles

392
Back to top button
Close
Close