Cronaca di Torino

Fiat-Chrysler: eldorado o delocalizzazione?

326
Tempo di lettura: 2 minuti

“Un mondiale vinto”. “Non è vero, non è Fiat ad avere rilevato Chrysler, semmai il contrario”. Come sempre, quando accadono eventi economico-aziendali di tale portata, la ridda delle interpretazioni è la più disparata.

Intanto partiamo dai fatti. Sei giorni fa il Lingotto ha completato una scalata, iniziata nel 2009, al marchio americano, arrivando a detenere il 100% di uno dei loghi leggendari a stelle e strisce: la Chrysler.

Un’operazione conclusa con un esborso che si aggirerà attorno ai 3 miliardi e mezzo di dollari, e il tutto, udite udite, senza richiedere ai soci di Fiat e Exor un’aumento di capitale. «Il lavoro, l’impegno e i risultati raggiunti da Chrysler negli ultimi quattro anni e mezzo sono qualcosa di eccezionale», sono state le parole di John Elkann.

La soddisfazione, oltre che dagli ambienti Fiat e da quelli istituzionali locali (Comune e Regione) è trapelata anche dalle dichiarazioni dei sindacati: «L’accordo siglato in queste ore consentirà di procedere alla fusione e integrazione tra Fiat e Chrysler – le parole del segretario nazionale della Fim Cisl, Ferdinando Uliano – rendendo disponibili ulteriori risorse finanziarie utili per rilanciare tutti gli stabilimenti del Gruppo, con prospettive maggiormente positive per i lavoratori. Ora è indispensabile in tempi brevi procedere ad investire, come annunciato, negli stabilimenti italiani a partire da Mirafiori e Cassino».

Anteprima della nuova Cherokee
Anteprima della nuova Cherokee

Da più parti, però, trapela un pensiero fosco: non sarà che questo accordo proceda ulteriormente in direzione di una delocalizzazione e di uno svuotamento della produzione italiana (e ovviamente in particolare torinese)?

Il dubbio c’è, ovviamente. Va anche segnalato un dato importante: Jeep ha fatto siglare lo scorso anno un record di vendite (731.565 veicoli con un incremento del 4% sul dato precedente), e gli analisti concordano sul fatto che è proprio il ramo stelle e strisce del Gruppo che, con i suoi numeri, ha permesso al bilancio del Lingotto di chiudere in attivo l’ultimo bilancio. Ergo: non sono i prodotti italiani nè le vendite italiane nè le automobili prodotte in Italia a tirare la carretta.

E gli scettici si chiedono: ma non sarà questa l’opportunità buona per delocalizzare ancora la produzione di vetture? Dall’altra parte, è anche vero che proprio la Jeep, la vettura da record 2013, è realizzata a Melfi: in molti, sindacati compresi, sperano che quindi l’acquisizione totale di un marchio come Chrysler e il fatto che fiat diventi un Brand globale permetta di tirare una boccata d’ossigeno anche agli stabilimenti italiani, fra cui, ovviamente, Mirafiori.

Andrea Besenzoni

                                           

326

Related Articles

326
Back to top button
Close
Close