Sport

Juve, anche il derby è tuo!

211
Tempo di lettura: 3 minuti

Sfumata per colpa-merito del Bayern Monaco la corsa europea, la Juve si rifà con gli interessi in campionato per la gioia dei tifosi.

A quattro giornate dalla fine rimane solamente un punticino per consegnare ai ragazzi di Conte l’aritmetica vittoria del secondo scudetto di fila. Una cavalcata trionfale resa ancora più bella, soprattutto per i tifosi, dal doppio successo in campionato contro i cugini del Toro, ormai a secco di reti nei derby da 12 anni. Un’eternità.

Alla stracittadina non è mancato nulla, né in termini di emozioni né di polemiche, come successo al ’37 della ripresa, con il punteggio ancora ancorato in parità: i granata hanno chiesto un calcio di rigore per un fallo in area di Bonucci su Jonathas.

Il fallo c’è, è evidente, peccato che sul cross di Cerci il gioco andasse fermato perché il brasiliano si trovava in posizione di netto fuorigioco. Il rigore, quindi, come hanno sottolineato tutti i moviolisti, non andava concesso e l’azione andava fermata precedentemente. La partita non è stata bella, soprattutto nel primo tempo con le azioni delle due squadre spesso bloccate a centrocampo.

 

Toro 0 juve 2 derby Torino 2013 Seria A tim 2013

 

Nei primi ’45 minuti di gioco ha prevalso la tattica con Conte che ha schierato i suoi in campo con un anomalo 4-1-4-1 per cercare di arginare la manovra del Toro sulle fasce. Ventura, dal canto suo, ha risposto con il più classico 4-2-4, con l’intento di sfruttare le incursioni laterali di Cerci da una parte e di Santana dall’altra. La prima emozione si registra al ’13: lancio in profondità di Pogba per Vucinic che però sbaglia malamente la conclusione.

I bianconeri crescono e a metà tempo sfiorano per due volte il vantaggio, prima con una conclusione di Marchisio, poi a salvare la porta del Torino ci pensa Glik, che con un provvidenziale intervento in area nega la gioia della rete a Pogba, anche ieri tra i migliori in campo.

Nella ripresa parte meglio il Toro, con un Cerci in gran spolvero. Ma guai a svegliare il can che dorme… Il talento di Ventura e nel giro della nazionale di Prandelli si infiamma subito dopo la metà della ripresa. Al ’34 elude due difensori juventini e serve una palla invitante a Bianchi che però non ci arriva di un soffio.

 

Juventus Toro 0- 2 derby Torino serie A Tim 2013

 

Tre minuti dopo, al ’37 ecco l’azione che farà nascere le polemiche nel dopo gara. Sempre Cerci vola sulla fascia destra e serve un assist al bacio per Jonathas in mezzo all’area di rigore.

Il brasiliano prende il tempo a Bonucci che lo stende: sarebbe calcio di rigore, e forse anche espulsione per il centrale della nazionale, ma come confermano anche le moviole, l’azione è viziata da un metto fuorigioco dello stesso brasiliano e quindi sarebbe dovuta essere fermata ben prima dell’intervento di Bonucci.

Il rischio corso rianima la Juve. Come detto prima, guai a svegliare il can che dorme… La squadra di Conte inizia a giocare con maggiore convinzione e trova la rete del vantaggio all’81 con un tiro di Vidal da quasi 30 metri che non lascia scampo a Gillet.

 

Torino FC v Juventus - Serie A

 

Una mazzata per il Toro che si scioglie come neve al sole ed inizia ad innervosirsi. Glik al ’90 confeziona la frittata e si fa cacciare com’era già successo nella gara d’andata ed in pieno recupero arriva il raddoppio juventino. Assist di Quagliarella su punizione di Pirlo e deviazione vincente di Marchisio che segna il suo ennesimo gol nei derby.

Finisce 2-0, vittoria meritata per la Juve ma forse eccessiva nel punteggio visto che il Toro ha retto bene e ha difeso la parità fino a ’10 dalla fine. Adesso per festeggiare la scudetto basterà pareggiare in casa contro il Palermo, mentre il Toro dovrà ancora lottare per essere sicuro della salvezza.

 

Andrea Magri

211

Related Articles

211
Back to top button
Close
Close