Cronaca di Torino

TFF, ” 7 opere di misericordia”: il lungometraggio d’esordio dei fratelli De Serio

164
Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo averlo presentato in anteprima a Locarno vincendo il premio Don Quijote e successivamente, tra gli altri, il Grand Prix ad Annecy, i gemelli del cinema torinese (e italiano) sono tornati a casa in occasione della ventinovesima edizione del Torino Film Festival. Fuori concorso nella sezione Festa Mobile, il loro ultimo lavoro, nonché primo lungometraggio di finzione, è stato proiettato lunedì scorso al Cinema Massimo in una sala gremita da un pubblico entusiasta a priori. Dalle personalità legate al Museo del Cinema ai responsabili del festival, c’erano proprio tutti anche per applaudire e rendere omaggio al protagonista maschile di Sette opere di misericordia: quel Roberto Herlitzka, grande attore di cinema e teatro, insignito dall’Amnc (Associazione Museo Nazionale del Cinema) del Premio Maria Adriana Prolo alla carriera con laudatio pronunciata dal regista e amico Marco Bellocchio, a suo tempo vincitore dello stesso riconoscimento. Insomma, una cornice più che perfetta per un evento che la Torino cinematografica e non solo aspettava da tempo. Una grande, difficile e complessa opera prima, firmata in sceneggiatura e in regia dai fratelli Gianluca e Massimiliano De Serio, già videoartisti, documentaristi (Bakroman, premiato al 28TFF) e autori di cortometraggi conosciuti e apprezzati su scala internazionale. Prodotto da Alessandro Borrelli (La Sarraz Pictures), in collaborazione con Rai Cinema, Fip e Film Commission Torino Piemonte, Sette opere di misericordia uscirà nelle sale a gennaio distribuito da Cinecittà Luce. Per chi non volesse aspettare, ricordiamo una seconda e ultima proiezione al TFF, venerdì 2 dicembre alle ore 19.30 (Reposi 5).

RECENSIONE

Torino, oggi. Antonio (Roberto Herlitzka) è un anziano malato di tumore alla gola e costretto, per questo motivo, a fare la spola tra casa sua e l’ospedale più vicino; è un uomo solo, oscuro, e prossimo alla fine.

Luminita (Olimpia Melinte) è una ragazza moldava, clandestina in una baraccopoli situata in periferia nord lungo il fiume Stura; per sopravvivere è obbligata a rubare e consegnare la refurtiva ai suoi stessi connazionali/padroni. Il piano per uscire da questa dura situazione, però, sta per compiersi. Il rapimento di un neonato, dal suo stesso campo profughi, le permetterà di ricevere dei documenti falsi e di cercare una nuova vita. Ha solo bisogno di un posto sicuro dove nascondersi; così, dopo averlo notato in ospedale, Luminita decide di seguire Antonio fino a casa sua e, aggredendolo, vi si stabilisce. Un improvviso incontro scontro, potente e dalle conseguenze inattese.

I talentuosi gemelli De Serio realizzano un’opera cruda, spiazzante e sorprendente. In una Torino di periferia gelida e desolata, fotografata in maniera impeccabile come se fosse “tutte le città”, intrecciano e fanno collidere due storie dolenti, due condizioni di sofferenza estrema così tanto protagoniste nella società contemporanea. Attraverso piani frontali, stacchi di montaggio spesso imperiosi e una narrazione lineare, gli autori scandiscono le situazioni affrontate dai protagonisti, il miscelarsi delle loro azioni, con dei cartelli che compaiono in sovrimpressione e che si riferiscono alle sette opere di misericordia corporale che un cristiano, secondo la chiesa Cattolica, deve affrontare durante la sua vita ovvero: dar da mangiare agli affamati, dar da bere agli assetati, vestire gli ignudi, alloggiare i pellegrini, visitare gli infermi, visitare i carcerati, seppellire i morti.

Non essendo un film religioso è bene rilevare come quest’espediente narrativo, e insieme motore del film, sia da considerarsi in ottica umana, riconducibile quindi alla “pietas” intesa come aver cura del corpo della persona vicina. In uno scenario dove l’unico personaggio positivo è rappresentato da Adam, ragazzino che abita la stessa baraccopoli di Luminita e il solo capace di “accenderle” vitalità in quel viso scolpito nel ghiaccio, i De Serio si interrogano sulla possibilità di redenzione dell’animo umanoe come questo possa avvenire attraverso i più tortuosi e feroci percorsi di vita; fondamentali, in questo senso, gli sguardi in macchina di Luminita, Antonio e dello stesso Adam, insieme chiara interpellazione spettatoriale e forte carica visiva. Senza molte parole, anzi, pochissime. A generare significato, in Sette opere di misericordia sono, infatti, gli sguardi, i corpi, il contatto umano, fisico e dell’anima; la funzione dell’interprete, in questo caso, diviene centralissima. Ed ecco che l’indiscusso Herlitzka e la giovane promessa Olimpia Melinte non deludono le attese, con l’allieva che addirittura supera il maestro; incredibile nell’intensità di ogni suo singolo sguardo o movimento corporeo. All’esordio, una prova magistrale quella dell’attrice rumena. In un film concettuale, complesso, oggettivamente di grande valore artistico.

 

Matteo Giachino

164

Related Articles

164
Back to top button
Close
Close