Articoli HPTerritorio

Torino, ai Murazzi si cambia: aule studio al posto degli eventi

3200
Tempo di lettura: < 1 minuto

A Torino i Murazzi, dopo anni a far ballare la gente, si spogliano di locali della movida e fanno spazio alle aule studio.

Il Comune di Torino aveva in serbo un piano da cento mila euro per una lunga serie di eventi estivi, tuttavia Palazzo di Città ha deciso di svoltare.

Le consolle e le piste da ballo hanno lasciato il posto a tavoli, sedie e sportelli per studiare. Un progetto che ha mutato la storica natura del luogo, ma che vuole puntare tutto sulla sete di sapere dei giovani torinesi.

Ai Murazzi di Torino le aule studio mandano in cantine le piste da ballo: i dettagli

L’addio alla movida non è permanente, ma è solo un arrivederci rassicurano i responsabili del Magazzino sul Po.

I campus dell’Università di Torino, in un progetto denominato “Campus Diffuso”, hanno deciso di creare diverse aule studio dislocate in giro per la città.

Le aule a cielo aperto, con anche una connessione veloce Wi-Fi, sono aperte al pubblico dal lunedì al sabato, donando una nuova vita alla zona. L’orario di apertura sarà dalle ore 10 alle ore 19. Un piano che farà vivere l’area anche di giorno, essendo storicamente una zona frequentata nelle ore notturne.

Il numero dei posti a sedere è di circa ottanta unità, e sfrutterà sia le parti interne che esterne delle arcate. Oltre alle postazioni studio l’area offre un punto ricarica di acqua potabile, prese elettriche e una zona bar.

In questi giorni arriverà anche una ciclofficina che offrirà la possibilità di gonfiare le ruote delle biciclette e qualche attrezzo per delle lievi riparazioni.

Inoltre il progetto avrà anche uno sportello inclusivo di lingua italiana per minori stranieri non accompagnati. I giovani potranno apprendere l’alfabetizzazione e la grammatica della nostra lingua con tre lezioni settimanali tenute da educatori qualificati.

3200

Related Articles

3200
Back to top button
Close
Close