Home Articoli HP Il Museo Egizio di Torino si trasforma: nuovo look per celebrare i...

Il Museo Egizio di Torino si trasforma: nuovo look per celebrare i primi 200 anni di vita

Il Museo Egizio di Torino si trasforma: nuovo look per celebrare i primi 200 anni di vita
Il Museo Egizio di Torino si trasforma: nuovo look per celebrare i primi 200 anni di vita
Tempo di lettura: 1 minuto

Il Museo Egizio di Torino si trasforma: tanti cambiamenti interni ammodernare le sale, un nuovo look per celebrare i 200 anni di vita

Il Museo Egizio di Torino prosegue nel suo processo di ammodernamento.
La struttura di via Accademia delle Scienze si appresta ad aggiungere nuovi tasselli nel suo restyling. Un graduale mutamento interno, che dovrà donare al museo un aspetto rinnovato in vista del 2024. Tra cinque anni, infatti, saranno celebrati i suoi primi 200 anni di vita: un appuntamento al quale l’Egizio vuole arrivare al massimo del suo splendore.
Il Museo Egizio di Torino si trasforma: nuovo look per celebrare i primi 200 anni di vita
Il Museo Egizio di Torino si trasforma: nuovo look per celebrare i primi 200 anni di vita
Nello specifico, sono stati aperti nuovi cantieri all’interno delle sale dell’ex “Collegio dei Nobili“. Si tratta di ambienti prestigiosi, che hanno avuto modo di ospitare esperti di egittologia e personaggi di spicco dell’archeologia a livello internazionale.
Si tratta di lavori di breve durata, che richiederanno qualche mese.

I dati del Museo Egizio di Torino

Il Museo Egizio gode di ottima salute. Nonostante ciò, non intende arrestare o contenere la sua crescita. L’obiettivo è quello di fornire sempre novità e motivi di attrazione.
Basti pensare ai cantieri durati tre anni e chiusi nel 2015, che avevano determinato un rinnovamento generale degli ambienti.
Una serie di opere che hanno portato grandi risultati. Ne sono la prova concreta i numeri di Ferragosto (oltre 3mila e 300 visitatori, +10% sull’anno precedente) e di Pasqua, quando furono emessi 60mila biglietti.
Un insieme di dati che mostrano l’eccellente momento della struttura museale dedicata a una delle civiltà più misteriose e longeve della storia.
Ci si trova di fronte a un’ascesa che sarà alimentata dalle grandi novità in programma, che saranno via via presentate per accrescere senza sosta la popolarità di questo glorioso museo. Un gioiello che la città può mostrare con giustificato vanto e orgoglio.
Correlato:  Amazon assume a Torino: posizioni aperte anche a Brandizzo e Torrazza Piemonte