Home Articoli HP Palazzo Novecento, tra storia e innovazione nel quartiere Borgo Nuovo: un gioiello...

Palazzo Novecento, tra storia e innovazione nel quartiere Borgo Nuovo: un gioiello di cui ci parla la nostra House Hunter Laura Polesinanti

Tempo di lettura: 2 minuti

Palazzo Novecento, tra storia e innovazione nel quartiere Borgo Nuovo: un gioiello di cui ci parla la nostra House Hunter Laura Polesinanti

All’angolo tra c.so Vittorio Emanuele II via della Rocca sorge uno dei più rinomati esempi dell’architettura del Novecento: Palazzo Gualino ora Palazzo Novecento.

Palazzo Novecento, tra storia e innovazione nel quartiere Borgo Nuovo: un gioiello di cui ci parla la nostra House Hunter Laura Polesinanti 

Palazzo Novecento, tra storia e innovazione nel quartiere Borgo Nuovo: un gioiello di cui ci parla la nostra House Hunter Laura Polesinanti 

La storia di questo edificio ha origine nel 1928, quando  Riccardo Gualino commissionò agli architetti Gino Levi Montalcini e Giuseppe Pagano Pogatschnig la costruzione di uno stabile quale sede degli uffici della propria impresa.

adv
Loading...

La facciata simmetrica e austera di Palazzo Gualino segnò l’inizio di una nuova epoca architettonica. Gli architetti Levi Montalcini e Pagano, infatti, realizzarono uno dei primi edifici in stile razionalista di Torino.

L’obiettivo dei due progettisti era quello di erigere una struttura moderna e funzionale. I sette piani su c.so Vittorio Emanuele II e i cinque su via della Rocca ospitarono gli uffici Gualino a partire dal 1932. Nel 1941 la manica su via della Rocca è stata sopraelevata.

Dagli anni Cinquanta in poi la proprietà di palazzo Gualino è passata di mano in mano. Il palazzo è stato centro direzionale della famiglia Agnelli, poi, nel 1988, è passato al Comune di Torino e infine, nel 2018, è stato acquisito dal gruppo IPI. Oggi vediamo l’ultima versione di Palazzo Gualino, denominato ora Palazzo Novecento.

Correlato:  Apre il McDonald's di Santa Rita a Torino: inaugurato il nuovo store

Lo studio di architettura Baietto-Battiato-Bianco ha concluso nel 2019 l’intervento di restauro che ha trasformato Palazzo Novecento da centro uffici a complesso residenziale. In totale sono state realizzate 47 unità, fra cui appartamenti su due livelli e superattici. Ciò che è rimasto immutato è la sua diversità rispetto al contesto in cui si trova. 

Borgo Nuovo è un quartiere nato nella prima metà dell’Ottocento caratterizzato dai palazzi che, all’epoca, erano abitati dall’alta borghesia torinese. Palazzo Novecento vi si inserisce con lo spirito di innovazione che lo ha accompagnato fin dalla sua nascita nel 1930.

A cura di Laura PolesinantiHouse Hunter ed intermediaria immobiliare