Home Articoli HP All’Università di Torino apre un supermercato: spazio anche per una banca e...

All’Università di Torino apre un supermercato: spazio anche per una banca e una palestra

All'Università di Torino apre un supermercato: spazio anche per una banca e una palestra
All'Università di Torino apre un supermercato: spazio anche per una banca e una palestra
Tempo di lettura: 2 minuti

Novità, all’Università di Torino apre un supermercato: nella nuova Palazzina Aldo Moro troveranno spazio anche una banca e una palestra

All’Università di Torino apre un supermercato.
All'Università di Torino apre un supermercato: spazio anche per una banca e una palestra
All’Università di Torino apre un supermercato: spazio anche per una banca e una palestra
Con l’inaugurazione della Palazzina Aldo Moro, che accoglie il Dipartimento di Lingue e letterature straniere e Culture Moderne, il capoluogo piemontese può vantare un vero e proprio campus urbano.
Tuttavia, per la prima volta dalla sua fondazione, questo dipartimento ha una sede unitaria dedicata a ricerca, didattica e divulgazione.

Le novità

La struttura presenta divanetti di design, aule attrezzate, la terrazza che affaccia sulla Mole e due “piazze” al centro del complesso da vivere anche la sera.
Inoltre, troveranno spazio anche un supermercato, una banca e una palestra.
Il nuovo campus, nato dal connubio tra pubblico e privato, ruota sul concetto di sostenibilità, sia ambientale che sociale.
Come sottolineato dal rettore Gianmaria Ajani, il progetto è molto cambiato rispetto a quello iniziale, tant’è vero che ci sono più spazi per la didattica e i servizi agli studenti per la loro vita quotidiana.
Ovviamente, senza l’investimento dei privati, e il necessario ritorno economico che deriva dalle attività commerciali, tutto ciò non sarebbe stato possibile realizzarlo.

Una settimana di eventi per l’inaugurazione

Per inaugurare il complesso si è pensato ad una settimana con eventi dedicati alla struttura, dove la sostenibilità rappresenta il tema centrale.

Gli interni della struttura

Nel dettaglio, al piano terra della palazzina si trova il “Green Office” che si compone di amministrativi, docenti e studenti per sostenere progetti a supporto della sostenibilità, a partire da piccoli passi come, ad esempio, le borracce per sostituire la plastica.
Inoltre, il dipartimento Educazione del Castello di Rivoli si occuperà dei nuovi ambienti dell’atrio e della lunch room con un duplice wall painting ispirato al pensiero green con tutta la gamma cromatica dei verdi, colori che caratterizzano gli obiettivi Onu per la sostenibilità.
La giornata di oggi, 25 settembre, sarà dedicata alla ricerca sul tema con ricercatori che risponderanno alle domande dei cittadini.
Sempre per oggi, è in programma la proiezione di alcuni film in collaborazione con Cinemambiente.

Le nuove sfide e Palazzo Nuovo

I nuovi obiettivi dell’Università di Torino sono il Polo delle Scienze Grugliasco, la cui prima pietra verrà posata nel 2020 grazie ai 42 milioni di euro in arrivo dal Ministero, nonché l’acquisizione dell’ex sede de La Stampa di via Marenco.
Qui, si vorrebbe trasferire parte della didattica di Medicina.
Infine, per quanto riguarda Palazzo Nuovo, una volta finita la bonifica, si procederà con la ristrutturazione che, entro fine 2020, darà più luce e più colore all’edificio.
(Foto tratta da Unito)
Correlato:  Torino, la Cappella della Sindone riapre nel 2018: lavori terminati