Home Articoli HP Ztl, a Torino rinviate le nuove normative: non partiranno da gennaio 2020,...

Ztl, a Torino rinviate le nuove normative: non partiranno da gennaio 2020, da definire altri dettagli

Ztl, a Torino rinviate le nuove normative: non partiranno da gennaio 2020, da definire altri dettagli
Ztl, a Torino rinviate le nuove normative: non partiranno da gennaio 2020, da definire altri dettagli
Tempo di lettura: 2 minuti

Ztl, a Torino il Comune rinvia l’introduzione delle nuove norme: non partiranno da gennaio 2020, alcuni dettagli ancora da definire

 

Negli ultimi mesi, la questione relativa alla Ztl, a Torino, è stata a lungo argomento di discussione.

 

adv
Loading...

Dopo le voci sulla possibile strategia del “road pricing” di fine settembre dell’anno scorso, il Comune aveva presentato la sua proposta per rinnovare le normative relative alla zona a traffico limitato.

Ztl, a Torino rinviate le nuove normative: non partiranno da gennaio 2020, da definire altri dettagli
Ztl, a Torino rinviate le nuove normative: non partiranno da gennaio 2020, da definire altri dettagli

Nel suo articolato progetto, in seguito affidato alla società 5T, Palazzo Civico aveva reso nota la sua volontà di portare avanti una manovra che dia più respiro alle vie del centro. L’orario di validità dovrebbe essere esteso dalle 07:30 alle 19:30, mentre non sarà allargato il perimetro di validità delle norme.

 

L’ingresso dovrebbe avere un costo variabile, tra i 3 e i 5 euro, e sarà commisurato alla capacità di inquinamento di ogni singolo veicolo. Dunque, chi inquinerà di più dovrà pagare cifre più alte. Per conoscere gli importi da corrispondere, occorrerà digitare la targa del proprio veicolo su un apposito portale internet o sui parcometri del centro, i quali forniranno informazioni sulla cifra da corrispondere. Questo discorso non vale però per veicoli elettrici e ibridi, in quanto questi avranno l’accesso gratuito.

 

Nell’orario di validità della Ztl, coloro che parcheggeranno avranno due ore di sosta gratuita. Dalla terza ora in poi scatterà il pagamento ordinario dello stallo.

Correlato:  Il centro di Torino rinasce con tante nuove aperture: i grandi marchi ripopolano vie e piazze

 

Gli intoppi per il progetto

 

La nuova Ztl avrebbe dovuto fare il suo esordio a partire da gennaio 2020.

Alcuni esponenti di Palazzo Civico, però, hanno tenuto a precisare che non è stato ancora realizzato il bando per mettere a gara il project financing per tutte le operazioni necessarie. Occorre realizzare la segnaletica, i parcheggi, gli accessi e molto altro. Tutto il necessario per rendere efficienti i provvedimenti.

Pertanto, alcuni Assessori hanno fatto notare come le tempistiche previste non saranno rispettare, con molta probabilità. Si tarderà di qualche mese, ma con l’obiettivo di consegnare il progetto nella sua interezza.

In questo senso si inserisce la proposta della Regione Piemonte, pronta a portare avanti un nuovo disegno, con innovazioni differenti rispetto al road pricing.

Insomma, quella della Ztl è una partita ancora tutta da chiudere, con i commercianti largamente sfavorevoli a ciò che propone l’amministrazione comunale. Nei prossimi mesi si vedrà se il Comune porterà a termine l’iniziativa con le basi di partenza o se aprirà ad eventuali modifiche.