Home Articoli HP Ospedale Molinette, biopsia polmonare mininvasiva per diagnosticare un linfoma

Ospedale Molinette, biopsia polmonare mininvasiva per diagnosticare un linfoma

Ospedale Molinette, biopsia polmonare mininvasiva per diagnosticare un linfoma
Ospedale Molinette, biopsia polmonare mininvasiva per diagnosticare un linfoma
Tempo di lettura: 2 minuti

Ospedale Molinette, grazie alla nuova tecnica di biopsia polmonare mininvasiva si è riusciti a diagnosticare un linfoma misterioso

All’Ospedale Molinette di Torino è stata sperimentata una nuova tecnica di biopsia polmonare mininvasiva per la diagnosi di un misterioso linfoma.

Il caso

Il paziente, un uomo di 37 anni residente nel capoluogo piemontese, ha cominciato ad accusare i primi sintomi di deperimento fisico nonché alcuni problemi al polmone sinistro già nel novembre 2017.
Ospedale Molinette, biopsia polmonare mininvasiva per diagnosticare un linfoma
Ospedale Molinette, biopsia polmonare mininvasiva per diagnosticare un linfoma
Inizialmente, una prima diagnosi aveva fatto pensare alla tubercolosi.
Nel novembre 2018, però, la situazione precipita e i medici cominciano a sospettare che si possa trattare di un tumore polmonare.
Così, il paziente viene sottoposto a diverse biopsie tradizionali, i cui risultati, però, si rivelano inconcludenti.
Nel frattempo, le lesioni necrotiche continuano ad aumentare di dimensioni e numero.
Poi, la svolta con le Molinette che pongono al paziente l’innovativa biopsia mininvasiva che gli salva la vita.

La tecnica diagnostica

Grazie a questa nuova tecnica, infatti, i medici hanno potuto finalmente diagnosticare il male, che si è rivelato essere un linfoma.
Nel dettaglio, questa innovativa biopsia polmonare mininvasiva utilizza un tracciante fluorescente capace di evidenziare le cellule malate in modo tale da poterle asportare e, successivamente, analizzare.
Ospedale Molinette, biopsia polmonare mininvasiva per diagnosticare un linfoma
Ospedale Molinette, biopsia polmonare mininvasiva per diagnosticare un linfoma
Come ha spiegato il Dottor Paraskevas Lyberis della Chirurgia toracica universitaria diretta dal Professor Enrico Ruffini, che ha eseguito la biopsia chirurgica con il Dottor Francesco Guerrera, si è trattato del primo caso italiano in cui è stata utilizzata questa nuova tecnica diagnostica.
Ora il paziente deve seguire una terapia mirata per il linfoma, a cui sta rispondendo positivamente, ed è in attesa del trapianto autologo di midollo.
Dunque, l’Ospedale Molinette si conferma ancora una volta come uno dei fiori all’occhiello della sanità torinese e italiana.
Correlato:  Torino salva le opere di Notre-Dame de Paris: quattro sculture in mostra a Palazzo Madama