Home Articoli HP Apre a Torino UGI2, la struttura che fa tornare alla vita quotidiana...

Apre a Torino UGI2, la struttura che fa tornare alla vita quotidiana i bambini guariti dal tumore

Apre a Torino UGI2, la struttura che fa tornare alla vita quotidiana i bambini guariti dal tumore
Apre a Torino UGI2, la struttura che fa tornare alla vita quotidiana i bambini guariti dal tumore
Tempo di lettura: 2 minuti

Apre a Torino UGI2, la struttura che aiuta i bambini guariti dal tumore a tornare alla propria vita quotidiana

Tra le tante novità a tema sanitario in città occorre segnalare che sta vedendo la luce a Torino UGI2.
Una struttura innovativa, che sorge in corso Dante 111. Una scelta interessante, quella degli ideatori, perché è volta a garantire una sistemazione adeguata e accogliente a tutti i bambini che sono guariti dal tumore.
Grazie a questa novità, infatti, i piccoli pazienti dell’Ospedale Regina Margherita di Torino avranno l’opportunità di recuperare il proprio normale stile di vita. Qui, ad assisterli troveranno del personale in grado di far svolgere attività educative di genere extra-scolastico, utili per intrattenersi e per trascorrere del tempo in totale spensieratezza.
Una bella realtà che nasconde una storia di base ancora più affascinante.
Apre a Torino UGI2, la struttura che fa tornare alla vita quotidiana i bambini guariti dal tumore
Apre a Torino UGI2, la struttura che fa tornare alla vita quotidiana i bambini guariti dal tumore

Dettagli del progetto

UGI2 nasce per affiancarsi a Casa UGI e allo stesso ospedale, ma con lo scopo di portare fuori i bambini dagli ambienti ospedalieri. Se i piccoli pazienti escono dal contesto dell’ospedale per seguire le proprie terapie dopo la guarigione dal tumore, essi hanno molta più probabilità di avere un processo di riabilitazione più rapido e più efficace.
A finanziare questo progetto sono stati i privati, che hanno contribuito con tantissime donazioni. Un ruolo fondamentale è stato svolto dai numerosi lasciti testamentari. A ciò si aggiunge il contributo di Compagnia di San Paolo, che ha dato il suo apporto nella cifra complessiva di 2,8 milioni di euro.
Una somma imponente, che è servita per realizzare una grande struttura di 800 metri quadrati. Gli spazi si articolano su due piani e forniscono una moltitudine di prestazioni differenziate.
Una notizia che rende l’idea della grande solidarietà che circonda queste tematiche, alle quali sono sempre di più le persone sensibili. Si tratta di grandi progressi per rendere migliore la vita di bambini che hanno affrontato in tenera età dei problemi di enorme gravità.
Correlato:  Gtt introduce il biglietto elettronico per bus e metro a Torino: sarà realizzata un'app per il pagamento