Home Articoli HP Il Museo di Scienze Naturali di Torino riaprirà nel 2020: è chiuso...

Il Museo di Scienze Naturali di Torino riaprirà nel 2020: è chiuso dal 2013

Il Museo di Scienze Naturali di Torino riaprirà nel 2020: è chiuso dal 2013
Il Museo di Scienze Naturali di Torino riaprirà nel 2020: è chiuso dal 2013
Tempo di lettura: 1 minuto

Museo di Scienze Naturali di Torino, la prima riapertura parziale è prevista per la primavera del 2020

Bisognerà attendere ancora qualche mese prima della riapertura del Museo di Scienze Naturali di Torino.

"Il

La chiusura nel 2013

La sede, chiusa ormai dall’Istituto 2013 a causa di un’esplosione di una bombola antincendio, è interessata da interventi di ripristino e restauro.
Infatti, oltre ai danni causati, l’incidente manifestò la necessità di una serie di interventi strutturali per l’antico palazzo barocco situato all’angolo tra via Giolitti e via Accademia Albertina.
Quindi, da più di 6 anni si attende il completamento dei lavori di ripristino degli impianti per riconsegnare ai cittadini il Museo.
Il termine dei lavori per il ripristino della biblioteca e delle aree espositive ai piani terra e interrato era previsto per questo mese di settembre.
La riapertura al pubblico dei diversi allestimenti permanenti, invece, era attesa per il mese di gennaio 2020.

Il sopralluogo per la verifica dell’avanzamento dei lavori

Tuttavia, in questi giorni l’assessora alla Cultura della Regione Piemonte Vittoria Poggio, accompagnata dai dirigenti e dai funzionari regionali dei Settori Cultura e Patrimonio, ha effettuato un sopralluogo al Museo per verificare l’avanzamento dei lavori di ripristino e le tempistiche della riapertura.
Dal sopralluogo è emerso che una prima riapertura parziale è prevista entro la primavera del 2020.
Dopodiché si procederà per step nei mesi successivi con la riapertura di tutte le altre aree fino al completamento dei lavori e la riconsegna del Museo alla collettività.
Il progetto del nuovo Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino prevede anche l’integrazione di una caffetteria, un bookshop e uno spazio per la didattica.
L’obiettivo è quello di trasformare il Museo in un punto di riferimento per il coordinamento di tutti i musei di carattere scientifico della regione.
Dunque, il Museo si appresta ad aprire nuovamente le porta al pubblico con una nuova luce.
Correlato:  L'aeroporto di Caselle è secondo in Italia per puntualità dei voli: al primo posto Genova