Home Articoli HP Record di iscrizioni al Politecnico di Torino: 13mila candidati per 5mila posti

Record di iscrizioni al Politecnico di Torino: 13mila candidati per 5mila posti

Record di iscrizioni al Politecnico di Torino: 13mila candidati per 5mila posti
Record di iscrizioni al Politecnico di Torino: 13mila candidati per 5mila posti
Tempo di lettura: 2 minuti

Record di iscrizioni al Politecnico di Torino: per i test di ingresso pronti 13mila candidati per gli oltre 5mila posti disponibili

Nuovo record di iscrizioni Politecnico di Torino.
Record di iscrizioni al Politecnico di Torino: 13mila candidati per 5mila posti
Record di iscrizioni al Politecnico di Torino: 13mila candidati per 5mila posti
L’ateneo torinese si conferma come uno dei preferiti per la carriera universitaria di tantissimi giovani.
Il Poli, per l’anno 2019/2020, dovrà infatti accogliere ben 13mila candidati per i test di ingresso, che tenteranno di accaparrarsi gli oltre 5mila posti disponibili.
Un numero davvero impressionante, che rende l’idea di quanto PoliTO abbia accumulato fascino e prestigio nel corso di questi anni. I test di ingresso, che inizieranno già a partire dalla prossima settimana, riguardano i corsi di Ingegneria, Architettura, Design e Pianificazione.
Una varietà di discipline che permette a tanti giovani aspiranti corsisti di cimentarsi in diversi settori. Si tratta di ambiti in continua evoluzione, che continuano a richiedere risorse preparate. In questo senso, il Politecnico può vantare numeri invidiabili, soprattutto se si pensa alle percentuali dei laureati che riescono a trovare un impiego. Sono tantissimi coloro che entrano nel mondo del lavoro immediatamente o entro un anno dal conseguimento del titolo di studio.

Caratteristiche degli studenti e obiettivi futuri

Gli iscritti ai test di ingresso, rispetto allo scorso anno, sono aumentati del 5%. Il segno positivo dipende anche dal grande afflusso di giovani da ogni parte d’Italia.
Dal sud, da regioni come Campania, Puglia, Sicilia, Calabria e Sardegna, proviene il 60% degli studenti (contribuiscono anche Liguria e Lazio). Un apporto non indifferente, a cui si aggiunge l’arrivo di centinaia di ragazzi da altri Paesi. Si contano numerosi giovani dalla Cina, ma anche dal Brasile, dal Cile, dal Perù e da molti altri Stati dell’America Latina.
L’obiettivo del rettore, Guido Saracco, è quello di arrivare a quota 40mila iscritti entro fine mandato. Un traguardo ambizioso, che il Politecnico di Torino potrà tranquillamente raggiungere, mantenendo i suoi standard di qualità e continuando a ottenere importanti riconoscimenti.
Correlato:  Le lumache di Cherasco: un'eccellenza piemontese, riconosciuta e apprezzata a livello internazionale