Home Articoli HP Pietro Micca, il temerario patriota che salvò Torino dall’Assedio del 1706

Pietro Micca, il temerario patriota che salvò Torino dall’Assedio del 1706

SHARE
Pietro Micca, il temerario patriota che salvò Torino dall'Assedio del 1706
Pietro Micca, il temerario patriota che salvò Torino dall'Assedio del 1706
Tempo di lettura: 3 minuti

Pietro Micca, il temerario patriota che salvò Torino dall’Assedio del 1706.

Se l’Italia esiste per come la conosciamo noi, non è opera solamente dei protagonisti del Risorgimento.

È bene fare un passo indietro nel tempo e conoscere colui che salvò Torino e il Ducato di Savoia dall’assedio dei franco-spagnoli del 1706.

Si chiamava Pietro Micca, un umile ragazzo che perse la vita per salvare quella dei suoi compagni.

Chi era Pietro Micca?

Pietro Micca nacque nel biellese il 5 marzo 1776. Di professione muratore, viveva in un paesino montano che faceva parte del Ducato di Savoia.

Quando perse il lavoro, non trovando altre soluzioni, decise di arruolarsi nell’esercito sabaudo dove fu inquadrato come minatore.

Tra i compagni si fece notare per la sua abilità nel muoversi ovunque senza problemi, da qui il soprannome “Passapertutt”, “passa ovunque”.

All’epoca Torino si stava preparando all’invasione dei francesi, coinvolti nella Guerra di Successione Spagnola che toccò tutta Europa.

Pietro Micca, il temerario patriota che salvò Torino dall'Assedio del 1706
Pietro Micca, il temerario patriota che salvò Torino dall’Assedio del 1706

La città sabauda in poco tempo riuscì a dotarsi di una fitta rete di gallerie sotterranee dove vennero piazzate delle mine, che avrebbero colpito di sorpresa il nemico.

L’Assedio di Torino 1706

Fu un assedio molto duro quello del 1706: Torino fu accerchiata da quasi 45.000 soldati francesi che circondarono la Cittadella difesa da poco più di 10mila soldati sabaudi.

Sicuramente una battaglia impari.

Più di una volta i francesi cercarono di entrare nelle gallerie per occupare la fortezza, ma senza risultati.

I piemontesi riuscivano ad intercettare i nemici e facevano esplodere le mine sotterranee.

Ma nella notte tra il 29 e il 30 agosto 1706 una pattuglia francese riuscì a trovare un varco per le gallerie.

Vinse la resistenza della guardia e si infilò nel cunicolo.

Il minatore Pietro Micca era di guardia quella notte e aveva il compito di far esplodere l’ingresso se il nemico lo avesse forzato.

Lui e il suo compagno riuscirono a chiudere la porta che li separava dai francesi. Questi ultimi, sicuri di avere la vittoria in pugno, cercavano brutalmente di sfondarla a colpi d’ascia.

Pietro Micca sapeva che il blocco non avrebbe resistito fino al termine dell’operazioni d’innesco della mina. Così fece segno al compagno di allontanarsi, poi si inginocchiò di fianco all’ordigno e vi applicò la miccia.

Non aveva scelta: una miccia lunga gli avrebbe consentito di scappare, ma il tempo a disposizione era troppo poco e la porta stava per cedere.

Così applicò una miccia corta, pochi secondi e la carica esplose distruggendo tutto e uccidendo gli invasori.

Pietro Micca fu scaraventato con loro nella galleria, che si riempì di macerie bloccando l’avanzata dei nemici.

La Cittadella fu salvata dal sacrificio di un umile soldato. Era il 30 agosto 1706 e Pietro Micca aveva solo 29 anni. Otto giorni dopo, grazie a questo gesto di coraggio, Torino fu liberata dall’assedio.

Pietro Micca
Pietro Micca, il temerario patriota che salvò Torino dall’Assedio del 1706.

Un museo in suo onore

In sua memoria i due paesi del Biellese che si contendono la nascita dell’eroe hanno aggiunto il nome “Micca” al loro, diventando così Sagliano Micca e Andorno Micca.

A Pietro Micca è stata dedicata una via e una statua in zona via Cernaia a Torino.

Poi nel 1961, in occasione del centenario dell’Unità d’Italia, per volontà del militare torinese Guido Amoretti fu inaugurato un museo dedicato all’Assedio e al suo eroe.

Si riuscì persino a trovare il punto esatto del sacrificio di Pietro Micca: tutt’oggi vi è una croce e dei fiori in suo onore.

Pietro Micca
Pietro Micca, il temerario patriota che salvò Torino dall’Assedio del 1706.

Per scoprire di più sul temerario patriota, visitate il Museo Pietro Micca dell’Assedio di Torino del 1706.



Commenti

Correlato:  Juventini "gobbi", origine e storia del modo di dire
SHARE