Home Articoli HP Torna il problema dell’erba alta a Torino: in alcune aree della città...

Torna il problema dell’erba alta a Torino: in alcune aree della città piante alte un metro

Torna il problema dell'erba alta a Torino: in alcune aree della città piante alte un metro
Torna il problema dell'erba alta a Torino: in alcune aree della città piante alte un metro
Tempo di lettura: 2 minuti

È tornato il problema dell’erba alta a Torino: alcune aree della città si sono trasformate in vere e proprie giunge urbane

Nelle ultime settimane è tornato a ripresentarsi il problema dell’erba alta a Torino.
Torna il problema dell'erba alta a Torino: in alcune aree della città piante alte un metro
Torna il problema dell’erba alta a Torino: in alcune aree della città piante alte un metro
In molte zone della città, dalla precollina al centro e alla periferia, i viali e i marciapiedi della città sono tornati a essere invasi da erbacce.
L’erba alta comporta conseguenze da non sottovalutare.
Infatti, le erbacce rendono impraticabili non solo i marciapiedi, i passaggi pedonali, i tombini e l’asfalto, ma anche le aree giochi per i bambini e i percorsi pedonali per chi si muove in carrozzina.
A portare la situazione fuori controllo sono state anche le piogge che hanno permesso alle piante di crescere fino a raggiungere il metro di altezza.
Il problema affligge anche i nostri amici a quattro zampe che sono particolarmente esposti alle infezioni tra le sterpaglie.
Inoltre, in alcuni punti la situazione è pericolosa anche per la sicurezza stradale.

La situazione in città

Infatti, in zona Crocetta, nei pressi della rotonda Merz, la vegetazione ha ricoperto lo spartitraffico che divide l’asse di corso Lione da corso Mediterraneo, nascondendo la segnaletica verticale.
Con questa situazione è quasi impossibile per i pedoni accorgersi dell’arrivo delle auto, a meno che non ci si affacci oltre la linea del marciapiede senza contare gli eventuali pericoli.
Lamentele dei residenti anche nel quartiere Madonna di Campagna. 
Sulla rotonda di corso Svizzera, su cui si affaccia la chiesa del Santo Volto, l’erba alta ha coperto cabine elettriche, cartelli stradali, cestini dei rifiuti e pubblicità.
Situazione pericolosa anche ai piedi della collina dove, in corso Moncalieri, a pochi metri dalla caserma dei vigili.
Qui, le foglie di un platano non completamente potato copre il semaforo rendendolo invisibile agli automobilisti in arrivo dal centro.
Erba alta e scarsa manutenzione anche al Parco della Tesoriera con panchine divelte e cestini da sostituire.
Intanto, dal Comunel’assessore all’Ambiente Alberto Unia, fa sapere che non vi è alcuna emergenza erba alta, ma che la situazione è sotto controllo.
Il caldo e le piogge delle ultime settimane hanno agevolato l’invasione della sorghetta, una pianta infestante graminacea che ha invaso aiuole, giardini e spartitraffico.
Palazzo Civico assicura che lunedì 19 agosto tutte le Circoscrizioni daranno inizio al terzo sfalcio.
Dunque, dalla prossima settimana la situazione dovrebbe rientrare nella normalità con la terza ed ultima operazione di taglio dell’erba.
Correlato:  Torino, il blocco del traffico potrebbe essere rimosso a causa dello sciopero Gtt