Home Articoli HP Mangiare a Torino… sul tram? Si può con il Ristotram di Torino

Mangiare a Torino… sul tram? Si può con il Ristotram di Torino

SHARE
Mangiare a Torino... sul tram? Si può con il Ristotram di Torino
Mangiare a Torino... sul tram? Si può con il Ristotram di Torino
Tempo di lettura: 2 minuti

Mangiare a Torino… sul tram! Aperitivo e cena con giro panoramico sul Ristotram di Torino

Mangiare su un tram storico e godere di un tour panoramico per il centro città, a Torino puoi farlo con il Ristotram di Torino!

Con Gustotram e Ristocolor sarete trascinati in un giro panoramico nel cuore di Torino e allo stesso tempo potrete gustare specialità eno-gastronomiche locali.

Sono due i tram storici ristrutturati e adibiti a veri e propri ristoranti e che possono accogliere al loro interno fino a 32 persone sedute a tavolo.

Cene in movimento

  • Tre le proposte di “cene in movimento”:Aperitivo su ristotram con tour di 50 minuti a € 18,00
  • Cena Classica con tour di 90 minuti a € 39,00
  • Cena Gourmet con tour di 2 ore a € 50,00

È possibile prenotare il tavolo al tram ristorante con una maggiorazione.

Il costo comprende il menù completo servito al tavolo, bevande e l’animazione dal vivo, musicale o di altro genere (se prevista). Insomma un’esperienza completa, unica ed indimenticabile.

Cosa aspetti? Sali a bordo e ammira le bellezze di Torino comodamente seduto gustando i piatti tipici della gastronomia piemontese!

Mangiare a Torino... sul tram? Si può con il Ristotram di Torino
Mangiare a Torino… sul tram? Si può con il Ristotram di Torino

La nascita di un’idea fin troppo innovativa

Il progetto nacque sul finire degli anni 80 da un’idea dell’imprenditore Franco Rosso.

In quegli anni Torino non era la città turistica che conosciamo oggi.

Correlato:  La Colonia Marina Città di Torino a Loano sarà riaperta: in Liguria spazio agli studenti

Eppure fu la prima città in Europa a dotarsi di un servizio di tram-ristorante e la seconda al mondo dopo Melbourne in Australia.

Il 30 gennaio 1988 Franco Rosso fece partire il primo Ristotram torinese su una carrozza storica dell’Atm, restaurata da Giugiaro Design di Giorgetto Giugiaro.

Il giro partiva da Italia ’61 e seguiva due itinerari turistici con sosta in piazza Castello. La prima corsa era all’ora di pranzo.

La seconda, invece, nel pomeriggio con un aperitivo al termine della corsa.

Il servizio ristorativo fu gestito da Il Bagatto, ristorante che andava per la maggiore in quegli anni.

Il costo del giro turistico con pasto incluso era di 49 mila lire.

La formula piacque al pubblico e ottenne un buon successo, ma probabilmente la città non era ancora pronta ad investire su un simile progetto.

Il Ristotram infatti non ebbe vita lunga e l’iniziativa terminò dopo qualche anno a causa del deficit di Atm.

Si trattava di un’idea originale e per certi versi “troppo innovativa” per quei tempi in cui la vocazione turistica di Torino non era ancora emersa.

Si è dovuto aspettare il boom turistico degli ultimi anni per far tornare in auge l’ormai vecchio ma sempre amatissimo Ristotram, in realtà sostituito dai più giovani Gustotram e Ristocolor, gestiti da Gtt.

Correlato:  Arriva a Torino Temakinho, il ristorante nippo-brasiliano: aprirà in una location di lusso

 

Informazioni Pratiche

Punto di partenza ed arrivo:
Varia seconda del periodo, verrà indicato al momento della prenotazione.

Prenotazioni:

  •  Tramite il sito web del Gruppo Torinese Trasporti
    Oppure Tramite telefono al numero: 011 57 64 733-750
    O Tramite e-mail all’indirizzo: servizituristici@gtt.to.it
  • Orari e tariffe potrebbero subire variazioni. Per ulteriori informazioni e le mappe dei percorsi potete consultare il sito ufficiale di GTT.


Commenti

SHARE