Home Articoli HP Al via i lavori per il primo Starbucks a Torino: in arrivo...

Al via i lavori per il primo Starbucks a Torino: in arrivo altre due caffetterie del brand

SHARE
Al via i lavori per il primo Starbucks a Torino: in arrivo altre due caffetterie del brand
Al via i lavori per il primo Starbucks a Torino: in arrivo altre due caffetterie del brand
Tempo di lettura: 1 minuto

Al via i lavori per il primo Starbucks a Torino: la catena di caffetterie statunitense sbarcherà nel centro città

Sono iniziati i lavori per il primo Starbucks a Torino.
Al via i lavori per il primo Starbucks a Torino: in arrivo altre due caffetterie del brand
Al via i lavori per il primo Starbucks a Torino: in arrivo altre due caffetterie del brand
Dopo i grandi successi raccolti a Milano, l’apertura torinese del re del Frappuccino si avvicina anche per il capoluogo piemontese.
 
Infatti, in questi giorni il negozio di idee per la casa ha traslocato in piazza Castello.
 
Architetti e ingegneri sono già all’opera tra via Amendola e via Buozzi per realizzare il primo store torinese. 
 
Tutti i lavori verranno fatti davvero a tempo record, in un solo mese. 
 
L’inaugurazione è prevista per il mese di settembre. 
 
Nel dettaglio, la caffetteria si svilupperà su due piani. 
 
È già partita anche la selezione del personale che verrà curata dal gruppo Percassi, l’azienda italiana leader del settore del retail.
Le sorprese non finiscono qui. Infatti, presto sorgeranno altri due punti vendita: uno all’interno della stazione di Porta Nuova, l’altro a Porta Susa.
Starbucks si appresta dunque a cimentarsi nella sfida all’ombra della Mole. Il capoluogo piemontese, però, si preannuncia come un terreno di caccia molto più ostico. La nostra città è infatti sede di numerose e famose torrefazioni, mentre il caffè al bancone del bar resta una tradizione quasi insostituibile. Senza contare la tradizione dei caffè storici, vere e proprie icone della città.
La sfida a realtà radicate nel territorio da decine di anni, come Lavazza e Vergnano, è aperta.
Tantissimi curiosi non vedono l’ora di gustarsi un caffè americano comodamente, usufruendo del servizio Wi-Fi o degli spazi per studiare.


Commenti

Correlato:  Emergenza plastica nel Po: nelle acque del fiume mille tonnellate all'anno
SHARE