Home Articoli HP Inizia il secondo “Ciclo degli Appuntamenti del Mercoledì mattina”: protagonisti attualità e...

Inizia il secondo “Ciclo degli Appuntamenti del Mercoledì mattina”: protagonisti attualità e cultura per i Gruppi Seniores delle aziende

SHARE
Inizia il secondo
Inizia il secondo "Ciclo degli Appuntamenti del Mercoledì mattina": protagonisti attualità e cultura per i Gruppi Seniores delle aziende
Tempo di lettura: 3 minuti

Inizia il secondo “Ciclo degli Appuntamenti del Mercoledì mattina”: protagonisti attualità e cultura per i Gruppi Seniores delle aziende

Nella giornata di mercoledì 8 maggio, a partire dalle ore 10:00, ha inizio il secondo Ciclo degli Appuntamenti del Mercoledì mattina.

Una serie di appuntamenti, che seguirà una programmazione principalmente incentrata su temi di attualità e cultura per i Gruppi Seniores delle aziende. Questi incontri saranno organizzati grazie al contributo dei Soci di A.N.L.A., Ugaf, Consiglio dei Seniores della Città di Torino, Gruppo Seniores Alenia Torino e Caselle e quelli di SKF Spacon il sostegno del Gruppo Larc Poliambulatori e con il Patrocinio di Camera di Commercio di Torino, Regione Piemonte e Città di Torino.

Il primo evento è fissato, come detto, per l’8 maggio alle ore 10:00. L’ospite atteso è Don Luca Peyron, docente dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Vi prenderà parte anche Vincenzo Camarda, insegnante presso il liceo V. Gioberti. L’incontro sarà intitolato “Come vivere nella rivoluzione tecnologica. La rivoluzione digitale e noi.” e porta al centro del dibattito la presentazione del nuovo libro di Don Luca Peyron, “Incarnazione digitale. Custodire l’umano nell’infosfera” (edito da Elledici). In questa occasione sarà condotta una accurata analisi della realtà odierna, per tentare di cogliere le sfaccettature della rivoluzione digitale e le conseguenze sulla vita di ogni giorno, sulle nuove generazioni, fino al modo che abbiamo di leggere noi stessi e il rapporto con Dio. Un insieme di riflessioni, che partono sul concetto di infosfera, e che offrono una interessante indagine dell’uomo nel tempo in cui si trova a vivere. Di fronte alle sfide di una contemporaneità impastata di tecnologia, questo nuovo volume e il suo incontro di presentazione trovano un’importante collocazione nel dibattito sulla rivoluzione digitale, portando al centro dell’analisi il tema di Dio e della speranza, suggerendo spunti di riflessione educativi e generali.

Correlato:  Il Sogno del Natale a Torino si sposta a Venaria Reale!

Il secondo incontro è previsto per mercoledì 15 maggio, sempre alle ore 10:00. Un appuntamento speciale, che proporrà al pubblico un “Viaggio virtuale all’interno del Museo della Frutta di Torino” insieme al dirigente dell’Area Cultura del Comune di Torino e direttore dello stesso museo pomologico “Francesco Garnier Valletti”, Stefano Benedetto. Il Museo della Frutta, che è stato inaugurato il 12 febbraio 2007, mette a disposizione la collezione di mille e più frutti artificiali plastici, modellati a fine Ottocento da Francesco Garnier Valletti (che appartiene alla Sezione operativa di Torino dell’Istituto Sperimentale per la Nutrizione delle Piante di via Ormea 47). L’anima del Museo è la straordinaria collezione pomologica, costituita da centinaia di varietà di mele, pere, pesche, albicocche, susine, uve, offrendo anche l’opportunità di conoscere la vita e l’opera di Valletti, grandissimo e unico artigiano, artista e scienziato. Nell’appartamento programmato, in un confronto tra passato e presente si spiegheranno le ragioni che hanno portato inevitabilmente ad abbandonare la coltivazione, o comunque a ridurre drasticamente la quantità di varietà di frutti in commercio, con al centro il tema della biodiversità, tra ieri e oggi.

In data mercoledì 29 maggio, dalle ore 10:00, avrà inizio l’incontro dedicato a un tema in ambito sanitariodurante il quale il Dott. Sergio Rigardo, noto specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione, direttore Tecnico Fisiokineterapia del Gruppo LARC di Mombarcaro, e il Dott. Giancarlo Sarnelli, specialista in Radiologia e consulente del Gruppo LARC Freidour, evidenzieranno gli aspetti del tema “La spalla che duole: un moderno approccio diagnostico e terapeutico”.  A introdurre  e moderare il dibattito sarà il Dott. Francesco Scaroina, specialista in Medicina Interna, direttore sanitario della LARC di Mombarcaro e di Pinerolo. L’incontro inizierà con il generico nome di “periartrite della spalla”, sotto il quale si raccolgono molte e differenti patologie che possono colpire la complessa articolazione scapolo-clavicolo-omerale. Si tratta di una articolazione di grande complessità, in quanto comprende ossa, muscoli, tendini, legamenti e fibre nervose. Una parte in cui si possono verificare sensazioni di dolore, per le quale occorrono diagnosi precise, preliminari a un efficace trattamento. In questo contesto saranno dunque diffuse informazioni sulle opportunità che la medicina può offrire a questo complesso sindromico, considerando che il malato, oggi, ha la possibilità di scegliere autonomamente il consulente di fiducia.

Mercoledì 5 giugno, sempre dalle ore 10:00, i giornalisti Cinzia Galletto e Giorgio Boccaccio approfondiranno il tema legato al benessere in generale e alle terme in particolare, in un incontro intitolato “Alla scoperta del cuore d’acqua d’Europa. Le terme della Slovenia tra natura e cultura”. Cinzia Galletto, autrice del volume “Slovenia spa destination – Cuore d’acqua d’Europa”, da oltre vent’anni viaggia alla scoperta di luoghi che “fanno stare bene” nel mondo e ne parla nel suo sito www.turismodelbenessere.com, dedicato alle vacanze e alle destinazioni più esclusive in realtà come Spa, Terme e Centri Benessere. Qui si occupa di approfondimenti riguardanti trattamenti e discipline legate al mondo del “wellness”. Nel corso dell’incontro tutta l’attenzione sarà concentrata sulla Slovenia. Un Paese spesso sottovalutato, che si configura come polmone verde al centro dell’Europa, con le sue sorgenti d’acqua dai poteri curativi, reti fluviali e laghi. Insomma, una terra disegnata per il “benessere” dell’uomo. Tutti tesori e potenzialità che, in Slovenia, erano già stati scoperti in periodi remoti, che rendono oggi il Paese un’autentica Spa Destination.

Mercoledì 12 giugno, alle ore 10:00, il consueto appuntamento del mercoledì mattina sarà incentrato su uno dei pilastri culturali (e non solo) della nostra città, in un dibattito dal titolo 150.000 opere d’arte, 2000 anni di storia: La Fondazione Torino Musei. Il segretario generale Elisabetta Rattalino parlerà delle principali funzioni della Fondazione Torino Musei, dalla cura alla gestione del patrimonio storico-artistico della Città di Torino. Attraverso la ricerca, l’esposizione dei risultati e la comunicazione, è possibile rendere fruibili, al pubblico, le collezioni d’arte e i monumenti storici, al servizio della comunità e del suo sviluppo. I musei che fanno capo alla Fondazione sono la GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, Palazzo Madama – Museo Civico d’Arte Antica e il MAO – Museo d’Arte Orientale, oltre ad Artissima  s.r.l., collegata anch’essa a questa realtà, società a cui è demandata la gestione di Artissima – Fiera d’Arte Contemporanea(conosciuta per e serre una delle più importanti fiere italiane di arte contemporanea). Un dibattito sui principi fondamentali della Fondazione Torino Musei, quali la creatività, l’innovazione, l’accessibilità, e l’internazionalizzazione.

L’ultimo incontro si svolgerà mercoledì 19 giugno, sempre alle ore 10:00. L’appuntamento si intitola “Arte folle. Pazzi, sociopatici e geni” e sarà una kermesse interamente dedicata alla presentazione dello stesso volume da parte dell’autore Massimo Centini che, durante l’evento, dialogherà con il giornalista Angelo Mistrangelo. La moderazione sarà affidata a Katia Bernacci, Amministratore Delegato di SixComm Group e Yume srl. Il testo di Centini è un’analisi sostanziosa e accurata del rapporto che lega la genialità dell’artista ai suoi, talvolta presunti, disturbi della psiche. Nel suo racconto espone al lettore un ambizioso ed elegante tentativo di mettere a fuoco una questione esistenziale di primaria importanza attraverso lo sguardo analitico dell’antropologo, ma al tempo stesso esamina la questione nella direzione inversa, ovvero tentando di portare nell’indagine antropologica la piena consapevolezza di una dimensione che caratterizza la vita umana e il mistero che questa racchiude.

Correlato:  Nuovo semaforo intelligente in provincia di Torino: multe per chi passa con il rosso e controllo dell'assicurazione

Tutti coloro che intendono partecipare possono procurarsi il biglietto d’ingresso, che si intende valido per una persona e che può essere scaricato, previa registrazione al sito www.centrocongressiunioneindustriale.it, alla voce “Biglietti e accrediti”. Occorre ricordare che gli incontri si terranno presso il Centro Congressi di via Vela 17, a Torino. Per ottenere ulteriori dettagli e informazioni è possibile telefonare allo 011/57.18.277.



Commenti

SHARE