Home Articoli HP Torino low cost, alcuni consigli su cose da fare e vedere con...

Torino low cost, alcuni consigli su cose da fare e vedere con un budget limitato

SHARE
Tempo di lettura: 2 minuti

Divertirsi a Torino spendendo poco, istruzioni per l’uso

A Torino e provincia è possibile, spendendo anche meno di 5€, trovare delle attività davvero molto educative e interessanti. Eccone alcune.

Museo Pietro Micca

Orgoglio cittadino conosciuto praticamente in tutta Italia, Pietro Micca ha un museo a lui dedicato ed è un ottimo rappresentante della Torino low cost.
Con soli 3€ per il biglietto intero e 2€ per il ridotto, grandi e piccini possono ammirare i cimeli e rivivere le gesta dell’eroe della Torino sotterranea del ‘700.
Link

Museo della Resistenza

Un vero e proprio tuffo nel triste passato recente del nostro paese. In corso Valdocco, in centro a Torino, si trova il Museo Diffuso della Resistenza, della Guerra, dei Diritti e delle Libertà di Torino.
Un percorso interattivo ricco di testimonianze, filmati e documenti che portano il turista nel cuore di un periodo estremamente controverso e doloroso per l’Italia, ma anche ricco di speranza per il futuro con il dopoguerra.
Con un solo biglietto (5€ per gli adulti e 3€ per i ridotti) il turista potrà visitare sia il museo che il rifugio antiaereo sottostante.

Museo di Antropolgia Criminale

Torino low cost tanto quanto affascinante con questo particolarissimo museo voluto dal celebre Cesare Lombroso.
Inquietante e un po’ macabro il museo di Lombroso è davvero una rarità unica nel suo genere, con i suoi 4.000 crani esposti, i resti umani e le testimonianze delle atrocità che l’uomo è stato (ed è purtroppo ancora) in grado di commettere.
Anche qui, con un biglietto che va da 3 a 5€ si può tornare indietro nel tempo e tuffarsi nel mistero.

Museo Diocesano

Passando dal profano al sacro, ecco il Museo Diocesano e la Torre Campanaria, un’attrazione posta sotto e sopra al Duomo di Torino.
Oltre al panorama suggestivo che si può ammirare dalla torre, con un modico prezzo il turista potrà scoprire la storia della chiesa in città attraverso un percorso diviso per aree tematiche rappresentanti i Sacramenti di Battesimo, Comunione e devozione ai Santi.

Fondazione Sandretto Re Rebaudengo

Per la Torino low cost che apprezziamo ci spostiamo ai giorni nostri, con un museo giovanissimo (aperto nel 1995), che ha come scopo quello di riaccendere la passione per l’arte contemporanea a Torino. Il tutto, come sempre restando nel budget di 5€ a biglietto.

Villa della Regina e Palazzo Barolo

Una delle ricchezze di Torino sono naturalmente anche i palazzi storici. Villa della Regina e Palazzo Barolo ne sono due splendidi esempi. Situati rispettivamente in collina e nel cuore del centro città, i due palazzi rappresentano per gli amanti dell’arte un’occasione imperdibile.
Lo stile barocco regna dunque sovrano dentro e fuori Torino, naturalmente, ad una modica cifra!

La Linea 7 e la Tranvia Sassi-Superga

Torino low cost anche per gli amanti dei trasporti pubblici. Con il percorso centralissimo della Linea 7, alla modica cifra di 1,70€ il turista può ammirare il centro storico di Torino nella su interezza.
Per chi invece vuole uscire dalla città ecco che c’é la celebre “Dentera“, la tranvia Sassi-Superga, esperienza che dona un tocco di stile in più alla visita al famoso paesino della Basilica.

Il PAV e l’Orto Botanico

Con il PAV (Parco D’Arte Vivente) di via Giordano Bruno e l’Orto Botanico del Parco del Valentino, l’esperienza suggestiva, low cost e all’aperto è servita.
Il turista può deliziarsi in un caso con spazi espositivi e laboratori all’aria aperta e, nell’altro, con la vista di meravigliose varianti floreali.

Museo della Frutta

Come dolce finale, anzi, come frutta, ecco proprio il museo dedicato alla frutta in San Salvario.
Il Museo Francesco Garnier Valletti, luogo in cui le opere di questo artista torinese riaccenderanno senz’altro l’appetito dei golosi. Più di mille frutti in plastica modellati fin nei minimi dettagli.
La cultura dunque, non è poi così costosa a Torino.


Commenti

Correlato:  Le aree abbandonate di Torino ripartono dal verde: in programma progetti per il rilancio di diverse zone
SHARE