Home Articoli HP Ospedale Cto, donna salvata da sarcoma grazie a un bacino 3D ricostruito...

Ospedale Cto, donna salvata da sarcoma grazie a un bacino 3D ricostruito da un team di ortopedici e ingegneri

Tempo di lettura: 1 minuto

Ospedale Cto, un team di ortopedici e ingegneri ricostruisce un bacino in 3D a una donna affetta da sarcoma

Dopo l’intervento miracoloso di qualche giorno fal’Ospedale Cto ha compiuto un altro interventi miracoloso.
Una paziente di sesso femminile di 40 anni di età, affetta da una rarissima forma di sarcoma osseo che colpisce 6 persone su 100mila ogni anno.
La donna è stata operata da un team composto da ingegneri e ortopedici della Città della Salute, e grazie alla protesi impiantata potrà tornate a camminare.
Nello specifico, la prima fase dell’intervento ha visto la pianificazione in 3D dell’asportazione e della ricostruzione, avvenuta in seguito a una risonanza magnetica e una tac.
L’operazione di costruzione del bacino su misura è stata eseguita da un team di ingegneri italiani in collaborazione con una startup torinese all’avanguardia nell’ingegneria biomedica.
Un intervento molto complesso che ha portato all’asportazione del tumore al bacino e all’impianto di una protesi fatta su misura della paziente, che consente la ricostruzione anatomica e biomeccanica del bacino e dell’articolazione dell’anca.
L’équipe di chirurghi che si sono resi protagonisti di questa impresa è composta dagli ortopedici del reparto di Chirurgia Oncologica Ortopedica diretta dal dottor Raimondo Piana e della Clinica Ortopedica Traumatologica Universitaria diretta dal professor Alessandro Massè.
Inoltre, ha collaborato all’esecuzione dell’intervento anche il team di Anestesia e Rianimazione diretto dal dottor Maurizio Berardino, che ha utilizzato delle complesse tecniche anestesiologiche.
C’è da sottolineare che, l’utilizzo della pianificazione tridimensionale dell’intervento ha permesso di accorciare i tempi dell’operazione, la quale è durata cinque ore e mezza, contro le tradizionali otto ore.
Ora la paziente, dopo alcuni giorni di degenza, è stata trasferita presso l’Unità Spinale Unipolare, all’interno del dipartimento di Ortopedia Traumatologia e Riabilitazione diretto da Giuseppe Massazza, dove proseguirà le cure riabilitative per ritornare a camminare.
Correlato:  Meteo, a Torino settimana instabile: prevarrà il sole, ma mercoledì arriva la neve