Home Arte La tecnologia invade i musei: le Residenze Sabaude visitabili in 3D

La tecnologia invade i musei: le Residenze Sabaude visitabili in 3D

La tecnologia invade i musei: le Residenze Sabaude visitabili in 3D
La tecnologia invade i musei: le Residenze Sabaude visitabili in 3D
Tempo di lettura: 1 minuto

Residenze Sabaude visitabili in 3D, la tecnologia irrompe sempre più nell’arte

La realtà virtuale renderà le Residenze Sabaude visitabili in 3D.
Ormai siamo abituati a vedere la tecnologia a disposizione dell’arte e della cultura, sopratutto nei musei, ma d’ora in poi le visite non saranno più le classiche visite al museo.
Infatti, da giovedì 20 dicembre, la realtà aumentata è entrata ufficialmente nelle residenze sabaude torinesi, in particolare, nella Palazzina di Caccia di Stupinigi, nella Reggia di Venaria, nel Castello di Racconigi nella Villa della Regina di Torino.
Tra il giugno e il settembre scorso, nell’ambito del progetto “Di Residenza in Residenza”, le residenze sabaude hanno ospitato spettacoli di danza e di teatro che, i visitatori potranno vedere grazie ai sensori 3D per la realtà virtuale.
Proprio grazie al progetto “Di Residenza in Residenza”, ideato dalla Fondazione Piemonte dal Vivo con il contributo della Compagnia di San Paolo e in collaborazione con l’Associazione Klug e Scavino.
Si tratta di un progetto volto a creare un circuito che unisce le varie residenze sabaude.

Gli spettacoli visibili in 3D

Tutte le residenze interessate dalla novità sono dotate di due visori 3D che potranno essere utilizzati gratuitamente chiedendoli all’ingresso. Grazie a questi visori 3D, il visitatore potrà guardare i quattro video degli spettacoli in realtà aumentata girati appositamente per il progetto. Si tratta di quattro filmati di breve durata, ma di forte intensità realizzati con riprese digitali a 360°, proprio per essere fruiti con la realtà virtuale.
I 4 filmati che i visitatori potranno vedere sono: il concerto “Senza alterazioni”, gli spettacoli teatrali “Tableaux Vivant” “Il Castello Incantato” e lo spettacolo di danza “Perfect Broken”.
Il concerto “Senza alterazioni” dell’Isabel Trio è stato girato nello splendido salone da ballo della Palazzina di Stupinigi.
Gli spettacoli teatrali “Tableaux Vivant”, con gli attori della Compagnia Quinta Tinta, e “Il Castello Incantato”, con la compagnia Faber Teater, sono stati girati rispettivamente a Villa della Regina e al Castello di Racconigi.
Infine, lo spettacolo di danza “Perfect Broken” del Balletto Teatro di Torino è stato girato, invece, nella splendida cornice della Reggia di Venaria.
Dunque, grazie alla realtà virtuale la classica visita al museo si trasformerà in un’esperienza sensoriale innovativa.
Correlato:  Turismo, a Torino i visitatori sono aumentati del 10% rispetto allo scorso anno