Cronaca di Torino

Torino si riprende dopo la bomba (d’acqua)

97
Tempo di lettura: 2 minuti

“Avete voluto vivere al Nord Europa? E che cosa vi aspettavate, il caldo?”

Questa è una delle battute che si sentono nei bar, per le strade, e si leggono sui social network in questi giorni, insieme alla sempre attuale “E facciamole venire giù due gocce”, ogni volta che il cielo (ri)comincia a scaricare acqua su Torino.

Saranno battute scontate, magari un pò trite, ma prendono spunto dalla realtà.

Un giugno che non si può definire caldo ha lasciato spazio a un mese di luglio che si è presentato con un solo aspetto tipico della bella stagione: i temporali.

Torino si riprende dopo la bomba (d'acqua)

E che temporali: l’antipasto è arrivato domenica, ma l’ondata si è mantenuta stabile su Torino fino a ieri, raggiungendo picchi di violenza eccezionale lunedì, nel tardo pomeriggio.

Una vera e propria “bomba d’acqua” ha investito la Mole, ma in fin dei conti a Torino è pure andata bene, se si pensa che nel Canavese grandine e tempeste di Vento hanno allagato e messo in ginocchio moltissimi comuni, costringendo poche ore fa alla richiesta di stato di calamità naturale.

Trombe d’aria e alberi sradicati anche nella cintura torinese, come a Collegno.

E in città il solito corollario di allagamenti, telefonate ai vigili del fuoco e piccole grandi emergenze.

Torino si riprende dopo la bomba (d'acqua)

Ora il tempo sembra essersi rimesso al bello, e le temperature, in rialzo, si avvicineranno alle medie stagionali (avvicineranno: i 30 gradi per ora sembrano lontani).

Attenzione, però: anche se non sembra siamo d’estate.

E alla sera il temporale arriva, quasi sempre. Un ombrello in macchina teniamolo, non si sa mai.

 

La Redazione di Mole24

 

Tag
97

Related Articles

97
Back to top button
Close
Close